Blog: http://orfini.ilcannocchiale.it

Questioni di famiglia

Sono sempre stato convinto che nella vita avrei dovuto fare davvero l'archeologo.
Fatto sta che poi le cose sono andate diversamente e ora che, dopo decenni, il ministero dei beni culturali ha deciso di bandire un concorso per archeologi, non posso partecipare perchè privo dei titoli accademici necessari (laurea e specializzazione).
Per mia sfortuna però sono fidanzato con un'archeologa che i titoli ce li ha (non manca mai di farmelo notare) e al concorso parteciperà. E che da un mesetto a questa parte, ogni attimo libero delle giornate lo passa a fare i quiz.
Che palle, direte voi.
In realtà no, perchè io così posso giocare in santa pace alla playstation, ma questo sarebbe un altro post. 
I quiz, si diceva; perchè nonostante ti chiedano laurea e specializzazione, al ministero hanno deciso di fare una prova preselettiva a quiz. Tutto normale in fondo, non fosse che i suddetti quiz sono una cosa strana davvero: equazioni, problemi di logica, domande di scienze...insomma un'articolata sfilza di cose che con l'archeologia e con il lavoro che i fortunati vincitori dovranno svolgere non c'entra niente.
L'effetto di questa follia sulla mia vita è che, un giorno sì e uno no, casa si riempie di veri e propri gruppi di studio: uno porta l'amico matematico, un altro lo scienziato e si cerca così di capirci qualcosa.
All'inizio guardavo il tutto con un certo distacco, poi poco a poco ho iniziato ad interessarmi. Un paio di giorni fa ho finalmente deciso di cimentarmi in una simulazione (c'è sul sito del ministero un apposito programma). E, forse per una inaspettata predisposizione alla logica, o per una presenza abbondante e sospetta di domande sulla storia del comunismo mondiale, o semplicemente per fortuna, ho stracciato tutti. Il che naturalmente mi ha reso inviso all'intera piccola comunità archeologica che gravita dalle mie parti, e probabilmente mi avrebbero volentieri estromesso dalla conventicola, non fosse per il fatto che gli servo.
Infatti i nostri eroi, con la loro associazione professionale, hanno deciso di organizzare davanti al Colosseo (pioggia permettendo) un pubblico partitone a Trivial con le domande del concorso al posto di quelle ufficiali, per denunciare così l'insensatezza delle scelte del ministero.
E sanno benissimo che per vincere almeno la partita hanno bisogno di avermi in squadra.

AGIORNAMENTO: CAUSA MALTEMPO IL TUTTO SI SVOLGERA' A PALAZZO MASSIMO (largo di Villa Peretti 2)

Pubblicato il 12/12/2008 alle 0.40 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web