.
Annunci online

Babele
Babele
 
orfini 
People...they don't write anymore - they blooog
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Babele
The best of (2)
The best of (3)
The best of
DS Mazzini
Milan
The West WIng
Buffy
Ciccio
Drazen Petrovic
  cerca

 

Avere un blog è una cosa stressante. Chi ne ha uno lo sa, chi non ce l'ha farebbe bene a tenersi alla larga da questo mondo.
Se ne dicono tante sui blog, e ognuno ha la sua teoria: se proprio ve ne devo scegliere una, tanto per farvi capire di che si tratta, proverei così. Ma una vale l'altra in realtà. Perchè l'unico vero motivo per cui siamo tutti qui a scrivere e leggere è che abbiamo tempo da perdere. Certo, non lo ammetteremo mai, anzi siamo in grado di investire ore a spiegarvi che no, non è
vero, questo è il futuro, il nuovo modo di fare informazione, opinione e cose così. Tutte sciocchezze, ovvio.
Comunque sia la cosa è abbastanza semplice: uno scrive, gli altri commentano (se vogliono). E' ovvio che un rapporto così ripetitivo finisce per logorarsi prima o poi, colpa della routine. Per questo mi fa pensare a un matrimonio, o qualcosa del genere. Quando ti prende la stanchezza, non è che ci puoi far molto.
Qualche ritocco grafico, un paio di cambi nelle rubriche, un'aggiustata ai link e tutto sembra nuovo.





 





 

Diario | Cose (davvero) serie | Riflessioni prese in prestito | Suoni (consigli per voi) | The best of | Parole (consigli per voi) |
 
Diario
1028697visite.

20 ottobre 2003

Cose (davvero) serie - L'amore e la modernità

Sono sempre stato un po' convinto di avere dei problemi. Di essere sostanzialmente un disturbato. Invece poi capita che leggo questa cosa sull'Espresso e scopro di essere semplicemente al passo coi tempi. Moderno direi. "La conseguenza principale della modernità è l'impossibilità di prendere in considerazione rapporti a lungo termine, ma la società continua a nutrire il fantasma di un amore che duri per sempre. E questo genera nevrosi. Da una parte la società incita al matrimonio.Dall'altra esalta l'edonismo da ipermercato e la sexolatrie,l'idolatria del sesso che rendono impraticabile l'amore esclusivo.Il modello oggi è quello della costellazione amorosa,una rete di relazioni,amici,parenti,dove l'individuo sta al centro e sceglie come propria più di una famiglia." dice Cespedes (che, onestamente, non so chi sia,ma sta per diventare il mio filosofo di riferimento). Zygmunt Bauman (che invece conosco) dice "L'amore è diventato fluido.Le relazioni virtuali. Si costruiscono continuamente possibilità sentimentali,dalle quali si entra e si esce con facilità grazie alle tecnologie. Come per l'upgrade dei giochi elettronici, anche le relazioni devono essere aggiornabili".  Amore liquido, si chiama il saggio di Baumann. Secondo me c'è del riformismo in tutto questo...notte a tutti




permalink | inviato da il 20/10/2003 alle 0:21 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (17) | Versione per la stampa
sfoglia
settembre        novembre