.
Annunci online

Babele
Babele
 
orfini 
People...they don't write anymore - they blooog
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Babele
The best of (2)
The best of (3)
The best of
DS Mazzini
Milan
The West WIng
Buffy
Ciccio
Drazen Petrovic
  cerca

 

Avere un blog è una cosa stressante. Chi ne ha uno lo sa, chi non ce l'ha farebbe bene a tenersi alla larga da questo mondo.
Se ne dicono tante sui blog, e ognuno ha la sua teoria: se proprio ve ne devo scegliere una, tanto per farvi capire di che si tratta, proverei così. Ma una vale l'altra in realtà. Perchè l'unico vero motivo per cui siamo tutti qui a scrivere e leggere è che abbiamo tempo da perdere. Certo, non lo ammetteremo mai, anzi siamo in grado di investire ore a spiegarvi che no, non è
vero, questo è il futuro, il nuovo modo di fare informazione, opinione e cose così. Tutte sciocchezze, ovvio.
Comunque sia la cosa è abbastanza semplice: uno scrive, gli altri commentano (se vogliono). E' ovvio che un rapporto così ripetitivo finisce per logorarsi prima o poi, colpa della routine. Per questo mi fa pensare a un matrimonio, o qualcosa del genere. Quando ti prende la stanchezza, non è che ci puoi far molto.
Qualche ritocco grafico, un paio di cambi nelle rubriche, un'aggiustata ai link e tutto sembra nuovo.





 





 

Diario | Cose (davvero) serie | Riflessioni prese in prestito | Suoni (consigli per voi) | The best of | Parole (consigli per voi) |
 
Diario
1visite.

21 marzo 2011

A proposito di De Magistris

La notizia è che il lungo iter dell’inchiesta “Toghe lucane” si è concluso con l’archiviazione.
Certo, dire notizia è forse persino troppo dato che i grandi giornali hanno ritenuto di attribuire alla questione al massimo qualche stanco trafiletto.
Niente in confronto al clamore con cui fu seguito l’inizio dell’inchiesta, guidata da De Magistris.
Già da allora ritenevo piuttosto incredibile l’impianto accusatorio, che sostanzialmente individuava in Filippo Bubbico il vertice di una cupola criminale che spadroneggiava in Basilicata.
Avendo la fortuna di conoscere Bubbico, non ho mai avuto dubbi sull’esito dell’inchiesta e ci tengo oggi a sottolineare l’assoluto rispetto per la magistratura con cui lui e gli altri accusati di crimini piuttosto gravi hanno affrontato il calvario di questi anni, uno stile che dovrebbe essere di esempio a molti.
Ma il punto non è questo. Oggi, anche grazie alla visibilità garantita dal clamore mediatico di alcune inchieste, sistematicamente concluse con il crollo del castello accusatorio, De Magistris è diventato un leader politico nazionale e si candida a guidare la città di Napoli.
Bene, non credo che possa cavarsela con un no comment sull’esito di quell’inchiesta.
Credo che, ancor più nella sua nuova posizione, sarebbe assai opportuna una spiegazione e magari anche delle scuse a chi è stato ingiustamente accusato. 
Sarebbe un gesto di civiltà.




permalink | inviato da orfini il 21/3/2011 alle 16:12 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
sfoglia
dicembre        aprile